Capitali europee della cultura

La designazione della Capitale europea della cultura contribuisce a valorizzare la ricchezza, la diversità e le caratteristiche comuni delle culture europee e permette una migliore conoscenza reciproca fra i cittadini dell'Unione europea. Questa manifestazione annuale inizialmente si chiamava "Città europea della cultura", e venne lanciata dal Consiglio dei Ministri il 13 giugno 1985 su iniziativa del ministro greco della cultura, Melina Mercuri. Lo scopo principale era di rendere accessibili al pubblico europeo alcuni aspetti culturali della città, della regione o del paese in questione. Nel 1999 l'iniziativa è stata ribattezzata "Capitale europea della cultura".

Ogni anno, una o due città vengono nominate "Capitali europee della cultura" e organizzano un programma di manifestazioni culturali che valorizzi la cultura propria ed il patrimonio culturale della città nonché il suo posto nel patrimonio culturale comune e associ operatori culturali di altri paesi europei, allo scopo di instaurare cooperazioni durature.

Sin dalla sua istituzione, l'iniziativa della Capitale europea della cultura ha conosciuto un successo in costante aumento, con ripercussioni positive per la risonanza data dai mezzi di comunicazione, lo sviluppo culturale e turistico e il riconoscimento da parte degli abitanti dell'importanza del fatto che la loro città sia stata nominata. Il programma avrebbe dovuto concludersi nel 2004, ma avendo avuto molto successo è stato prolungato di altri 15 anni.

 

Documenti utili

  • Risoluzione dei ministri responsabili degli affari culturali, per quanto riguarda l'organizzazione annuale della "Città europea della cultura" del 13.06.1985, GUCE C 153 del 22.6.1985, pag.2
  • Conclusioni dei ministri della cultura riuniti in sede di Consiglio del 18 maggio 1990 per quanto riguarda la scelta del futuro "Città europea della cultura" e la speciale manifestazione del Mese della cultura (JOCE C 162 / del 3 luglio 1990, p.1)
  • Conclusioni dei ministri della cultura riuniti in sede di Consiglio del 18 maggio 1992, relativa alla scelta delle città europee della cultura dopo il 1996 e il "Mese della cultura" (GUCE C 151 del 16.06.1992, pag.1)
  • Conclusioni dei ministri della cultura riuniti in sede di Consiglio del 17 novembre 1992, riguardante il processo di selezione delle città europee della cultura (JOCE C 336 del 19 dicembre 1992, p.3)
  • Decisione n. 1419/1999/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 maggio 1999, che istituisce un azione comunitaria per la "Capitale europea della cultura" per gli anni dal 2005 al 2019 (GU L 166 del 1.7.1999, pag 1) . Decisione modificata dalla decisione n. 649/2005/CE (GU L 117 del 4.5.2005, p. 20).
  • Decisione n. 1622/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 2006, che istituisce un azione comunitaria per la "Capitale europea della cultura" per gli anni dal 2007 al 2019 (GU L 304 del 3.11.2006, pag 1) .
  • "Relazione Palmer" (Parte 1 - Parte 2): Studio sulla città europee e capitali europee della cultura e sul ”Mese della cultura europea” (1995-2004), effettuata da Palmer / Associates RAE. Disponibile sul sito web della Direzione Generale Istruzione e Cultura della Commissione europea e in formato cartaceo, su richiesta della Commissione europea (indirizzo e-mail: Eac-Culture@ec.europa.eu)


Per ulteriori informazioni visita la pagina http://ec.europa.eu/culture/our-programmes-and-actions/doc413_en.htm